giovedì 6 luglio 2017

Il tocco può accendere o spegnere il rapporto con la Vita...



Zio metti le scarpe, non puoi entrare in acqua senza, perché ti fai male, ci sono i sassolini e ci sono anche i pesci, odio questi pesci, andate via maledetti pesci…”. 

Questo è parte di un discorso di una bimba di circa 6 anni a cui ho assistito qualche giorno fa in uno dei laghi laziali più magici, il lago di Piediluco. 
La bimba, mentre faceva il bagno, si lamentava coi parenti adulti perché nel lago c’erano pesci veri, sassolini veri, e acqua vera vere smeraldo. L’unica cosa artificiale mi è sembrata la mente di questo piccolo essere umano già così tanto lontano e allergico alla Natura in una fase della vita in cui dovrebbe essere naturale l’espansione piuttosto che la concentrazione delle esperienze, l’apertura piuttosto che la chiusura al mondo esterno. 
La passione della e verso la vita passa attraverso l’uso dei cinque sensi. Tra i cinque sensi, il tocco fornisce la percezione più diretta di ciò che è fuori. Attraverso il tocco possiamo renderci conto del nostro corpo, del nostro confine col mondo attraverso la pelle. 

La pelle è cosparsa di recettori del piacere. Mente razionale e condizionamenti hanno il potere di limitare o chiudere molti di questi recettori, come un riccio quando viene toccato. Ecco perchè ritengo il Touch of Passion anche un ottimo modo per aprire la pelle ad accogliere ed espandere il piacere pure. 
Tocchiamo noi stessi, tocchiamo il mondo e accogliamo questo tocco come un’espansione della conoscenza di noi stessi e della Natura che c’è intorno!

venerdì 30 giugno 2017

Il sesso...la porta per l'estasi





I genitali spesso sono depositari di sensi di colpa e vergogna. E’ importante pulire e alleggerire questa parte del tuo corpo da queste emozioni che bloccano dal nascere la tua energia sessuale. Accogli e onora i tuoi genitali.

Per rendere più leggera la tua energia, è fondamentale sfrondare convinzioni mentali, condizionamenti, credenze e tabù sull’espressione sessuale della tua vita. 

Non ti capita di avere la sensazione di essere ciò che gli altri si aspettano da te, invece di essere te stesso/a? Ogni volta che questo accade, l’energia si contrae e crea grumi, come i sassolini in un fiume, perché una parte di te sa che stai andando contro la tua voce interiore che vuole il tuo ben-essere. Allora che fare? Porta la tua attenzione al piacere. Sì, godi! Il riconoscimento della tua energia sessuale è un modo molto diretto per approssimarti al tuo centro, inteso come spazio interiore da cui la tua energia può muoversi come un’orchestra in cui i vari strumenti riescono ad essere armoniosamente accordati tra di loro. 
Siamo in estate. Fa molto caldo. Sarà più facile ricordare di avere un corpo sessuato che può esprimere bellezza e attenzione amorevole nella sua nudità.

La porta verso l'estasi ed il silenzio interiore è più vicina di quel che sembra! 

A settembre, con SessualMente 2.0 riprenderò insieme a te il cammino verso l'espansione di ciò che sei e puoi essere, a contatto con la tua energia.